Arché Privacy e D.lgs. 231/2001

Lo Studio presta la propria assistenza in favore delle società ed enti al fine dell’assolvimento degli obblighi in materia di privacy nonché al fine di un adeguamento alle previsioni di responsabilità amministrativa degli enti di cui al D.lgs. 231/2001.

  • PRIVACY

Come noto, dal 25 maggio 2018 è divenuto pienamente efficace la riforma europea in materia di privacy. Il Legislatore Europeo, emanando il Regolamento UE 2016/679 (c.d Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati  – RGPD – noto anche come General Data Protection Regulation – GDPR), ha inteso, in estrema sintesi, “sollecitare” professionisti/enti pubblici ed aziende ad adottare comportamenti “proattivi di sensibilizzazione” dei propri processi professionali/aziendali alle nuove disposizioni in materia.

In altre parole, i titolari sono chiamati ad effettuare un’analisi preventiva della propria attività, valutando la possibile conflittualità con la normativa de qua e, quindi, a predisporre procedure specifiche e volte ad assicurare il rispetto della normativa ed alla mitigazione dei possibili rischi del trattamento previsto.

In taluni casi, inoltre, il Titolare del trattamento dei dati è tenuto a nominare un responsabile della protezione dati (o Data Protection Officer – DPO) il quale dovrà sorvegliare l’osservanza delle procedure aziendali previste, monitorare la corretta applicazione del regolamento, nonché sensibilizzare il titolare ed eventuali collaboratori alla materia anche attraverso attività di formazione.

Il mancato rispetto della normativa de quo viene sanzionata dal Regolamento medesimo con sanzione pecuniarie piuttosto elevante, potendo infatti giungere a 10 milioni di Euro e nei casi più gravi perfino al doppio.

Lo Studio, avendo già svolto per numerosi Clienti tale attività, offre la propria assistenza per affiancare professionisti ed aziende per lo svolgimento di tutte le operazioni di adeguamento a questa nuova normativa Privacy. I suoi componenti sono disponibili inoltre a svolgere l’incarico di Responsabile della Protezione Dati  (o Data Protection Officer – DPO).

  • RESPONSABILITA’ AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI – D.LGS. 231/2001

Il nostro Studio, come accennato, offre tradizionalmente assistenza ai propri clienti, in materia di responsabilità amministrativa degli enti (ex D.lgs. 231/2001 – c.d. responsabilità c.d. penale delle persone giuridiche).

In estrema sintesi, la presente normativa si propone di perseguire gli enti (società, associazioni e cooperative anche prive di personalità giuridica) per i reati commessi dai loro amministratori o sottoposti, purché ne abbiano tratto beneficio.

L’accertamento di una tale responsabilità comporta la comminazione di pesanti sanzioni pecuniarie (fino a 1 milione e mezzo di Euro), nonché temibili sanzioni interdittive (es. l’interdizione dall’esercizio dell’attività; la revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni; il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione; l’esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi; il divieto di pubblicizzare beni o servizi).

È stata, tuttavia, esclusa la responsabilità per l’ente qualora si dimostri, in sostanza, che l’organo dirigente abbia adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, un modello di organizzazione e di gestione idoneo a prevenire i reati della specie di quello verificatosi nonché abbia nominato un Organismo di Vigilanza (c.d. ODV), monocratico o collegiale, che dotato di autonomi poteri d’iniziativa e di controllo, abbia svolto i propri compiti di vigilanza sull’applicazione del modello medesimo.

Lo Studio si occupa di assistere gli enti per l’elaborazione e/o l’aggiornamento del proprio modello organizzativo ai sensi del D.lgs. 231/2001; alcuni avvocati specializzati dello Studio sono inoltre disponibili a ricoprire l’incarico di membri dell’Organismo di Vigilanza.